AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS_27 FEBBRAIO 2021_h.10.00

Data:
27 Febbraio 2021
Immagine non trovata

Da lunedì 1 marzo 2021 il Piemonte ritorna in zona arancione con maggiori restrizioni rispetto alle scorse settimane. Le principali limitazioni sono:

🔶Spostamenti🔶

E' consentito spostarsi all'interno del proprio Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00, nel rispetto delle specifiche restrizioni introdotte per gli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate.

Gli spostamenti verso altri Comuni sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Dal 16 gennaio 2021 è venuto meno il divieto di spostamenti verso le seconde case indipendentemente dalla Regione.

Resta in vigore anche il cosiddetto “coprifuoco”: dalle ore 22.00 alle 5.00 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Per quanto riguarda le visite ad amici o parenti, è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un'altra abitazione privata abitata dello stesso Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell'abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

🔶Le scuole🔶

Nulla cambia, come è successo anche l'ultima volta in arancione, per i più piccoli che continueranno a frequentare in presenza. Non solo nidi, materne, elementari e prima media, ma anche seconda e terza media: tutti a scuola. Non sono previste misure restrittive come quelle autunnali che avevano bloccato la presenza anche per le ultime due classi secondarie di primo grado. Si mantiene al 50% la didattica a distanza per le scuole superiori. Le università continueranno con corsi ed esami online.

🔶Attività commerciali e di ristorazione🔶

I negozi restano aperti, come anche centri estetici e parrucchieri.

In quest'area però è sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze.

Dalle 5.00 alle 22.00 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue:

- dalle 5.00 alle 18.00, senza restrizioni;

- dalle 18.00 alle 22.00, è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili - codice ATECO 56.3) o commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25).

La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

🔶Sport🔶

Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP.

È consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, del proprio Comune o, in assenza di tali strutture, in Comuni limitrofi, per svolgere esclusivamente all'aperto l’attività sportiva di base, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l'uso di spogliatoi interni a detti circoli.

Si possono consultare le Domande/Risposte direttamente sul sito, cliccando qui.

 

IL SINDACO

Andrea Baldassini

Ultimo aggiornamento

Giovedi 08 Aprile 2021